Cerca nel blog

giovedì 2 marzo 2017

INCIDENTI DOMESTICI: LA SCOTTATURA

E' uno degli incidenti domestici più comuni: L'USTIONE.
Capita di scottarsi con pentole calde, forno, acqua bollente, ferro sa stiro...a volte è una cosa minima, ma può capitare di farsi veramente male.

La prima cosa da fare  è cercare di mettere la parte ustionata sotto l'acqua fresca, in modo da limitare, per quanto possibile, l'apporto di calore. Mi raccomando l'acqua deve essere fresca e non fredda, perchè lo sbalzo di temperatura eccessivo potrebbe arrecare altri danni.

Se non è possibile possiamo bagnare degli asciugamani e avvolgerli intorno alla zona interessata oppure prendere del ghiaccio , avvolgerlo intorno ad un asciugamano e posizionarlo sulla parte dolente.

Dopo circa 10 minuti o almeno quando sentiamo che il dolore si è calmato, diamo un occhio alla zona interessata:

  1. E' semplicemente arrossata e al massimo un po' gonfia?      
    Abbiamo a che fare con un ustione di I° grado. Non dobbiamo fare nulla, tranne tenerla ancora un po' al fresco, applicare una pomata idratante o lenitiva anche naturale ( quelle a base di aloe sono perfette) e se "brucia" in maniera eccessiva prendere un antiinfiammatorio da banco. Ideali sono paracetamolo (tachipirina),ibuprofene (moment, nurofen, buscofen, cibalgina fast...) naprossene ( momendol)
  2. Il dolore è intenso e stanno comparendo delle bolle ?
    Si tratta di un'ustione di secondo grado. Se parliamo di zone particolarmente sensibili del corpo tipo viso, inguine...oppure la zona è estesa sarebbe meglio recarci dal medico o addirittura in PS, ma se la zona non è particolarmente ampia possiamo trattare tranquillamente a casa, avendo un po' più di accortezza.            Se c'è la bolla significa che la parte interessata è più profonda . La bolla protegge lo strato sottostante quindi è IMPORTANTE NON BUCARLA. Il pericolo per le ustioni infatti è l'infezione e questa può avvenire quando la bolla si rompe e lascia scoperta la lesione. Se la bolla è integra, mettiamo uno strato di crema lenitiva e copriamo con una garza per evitare che si buchi. Se la bolla si rompe (purtroppo accade quasi sempre), con le mani pulite disinfettiamo la parte con della soluzione fisiologica, dopodichè applichiamo un buono strato di crema antibiotica ( Cicatrene, streptosil, aureomicina, gentamicina) per prevenire le infezioni. Dopodichè mettiamo una garza. Mi raccomando la garza non deve essere a stretto contatto con la ferita! Non si deve appiccicare, altrimenti interrompe il processo di guarigione. Per questo motivo in commercio ci sono anche delle garze "grasse", già imbevute di medicina. In alternativa alle pomate antibiotiche si può usare una pomata all'argento (sofargen, euclorina silver) che ha un ottimo potere batteriostatico. La pelle diventerà grigia, ma è solo l'effetto dell'argento! Assumiamo antidolorifici, come nel caso di prima.
  3. Il dolore è intenso e la pelle assume una costistenza coriacea con un colore che va dal bianco al nero?
    L'ustione è di 3° grado: bisogna recarsi immediatamente dal medico. La stessa cosa se l'ustione è estesa, se è da agente chimico o se appare la febbre! Se abbiamo una temperatura sopra i 39° o molto bassa....sotto i 36° bisogna andare al PS.
NON USATE RIMEDI CASALINGHI! burro, olio...vanno bene solo in cucina!

Probabilmente quando l'ustione starà guarendo sentiremo anche prurito...una pomata antistaminica, oppure all'aloe, ci potrà aiutare, così come assumere antistaminici per bocca!


Nessun commento:

Posta un commento